Questo sito utilizza cookie anche di terzi. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.

lettera di Don Ottavio

Lettera di Don Ottavio

Carissimi tutti, approfitto del nuovo sito per inviarvi questo messaggio. Cosa mi è
accaduto? Verso la metà di febbraio ho fatto una embolia polmonare. Avvertivo un
forte malessere generale che mi impediva di respirare. La Domenica delle Cresime,
16 febbraio, ero al limite delle forze. Lunedì 17, consultato il medico, mi ha mandato
al Pronto Soccorso. Ho scelto Negrar. Mi hanno fatto subito i raggi e la Tac e nei
polmoni è apparso un embolo che si era rotto in 3-4 parti. Subito mi hanno messo in
terapia intensiva dove sono rimasto fino a sabato 22 e da lì mi hanno portato in
cardiologia dove sono rimasto fino a lunedì 2 marzo. Consigliato dai medici e da tanti
altri amici, ho deciso di fare un periodo di convalescenza a Torri del Benaco, presso
la casa di ritiro delle Piccole Suore della Sacra Famiglia. Qui c’è pace e tranquillità.
Ho tempo per qualche camminata, per pregare, leggere e riflettere. Sto bene e sto
ricuperando le forze giorno dopo giorno. Ringrazio anzitutto il Signore per avermi
custodito, preservato da un grave pericolo, in quanto l’embolo che era partito dalla
gamba destra, arrivato al cuore non ha fatto alcun danno e ha preso la strada dei
polmoni dove il male è rimediabile. Ringrazio tutti voi per le vostre preghiere e per la
vostra vicinanza, per tutti i vostri messaggi pieni di affetto e solidarietà. Ringrazio in
modo particolare don Gianluca che ha saputo assumersi tutto il peso di questa
situazione standomi sempre vicino. In una delle preghiere eucaristiche della Messa si
dice: “Ti rendiamo grazie, Signore, per averci ammessi alla tua presenza”. Noi stiamo
alla presenza del Signore ma, non solo: Lui sta sempre davanti a noi, succeda quello
che succeda. Non siamo soli. Per questo, anche in questa dolorosa situazione del
corona virus, dobbiamo non perdere la speranza. Accanto alla meravigliosa opera dei
medici e operatori sanitari, il Signore opera per liberarci da questo male e da ogni
male. Affidiamoci a Lui con la fiducia di un bambino. A tutti auguro di vivere con
coraggio e serenità ogni momento difficile della vita. Con affetto e riconoscenza

Don Ottavio